09/12/08

La copertina del mio libro!


Grandi notizie! Alla Delos Books sembrano determinati a pubblicarmi davvero (o a portare avanti lo scherzo fino ad Aprile, data in cui il libro dovrebbe uscire) e mi hanno fatto avere la bozza di copertina - ancora soggetta a cambiamenti - che avrete già notato qui sopra al testo.

Prima che mettiate mano alla tastiera per lasciarmi i vostri commenti carichi di entusiasmo (spero) vi faccio una richiesta un po' strana ma che per il libro di un autore sfig... emergente potrebbe anche essere d'aiuto: se andate fin da adesso a chiedere il libro nei posti dove in genere comprate la roba da leggere (per trovarlo sulle bancarelle aspettate almeno un paio di mesi, però ^^) potrebbe darsi - e sottolineo l'ipoteticità di potrebbe forse probabilmente darsi - che il libraio vi mandi a fare in quel paese così accoratamente da ricordarsi di voi e, di conseguenza, anche del libro il bel giorno che il distributore andrà a proporglielo.

Da quello che ho capito, infatti, se i distributori pensano di vendere il libro allora lo ordinano all'editore, e se lo ordinano all'editore c'è almeno l'effettiva possibilità che arrivi in libreria e che di conseguenza qualcuno lo compri davvero. Se invece nessun rivenditore lo ordina e nessuno lo compra allora nessuno nemmeno se lo legge, con triste disperazione di scrittore, editore, distributore e libraio che avranno così fallito nel loro nobile desiderio di distribuire cultura.

Ma vabbe', basta con queste storie un po' strane ed eccovi le mie considerazioni sulla copertina:

- A parte che potrebbe cambiare di nuovo per l'ennesima volta, questa non è la copertina di uno dei miei ebook e pertanto non è soggetta a modifiche più di tanto dipendenti dalla mia volontà. Questo per dirvi che se per assurde e inspiegabili ipotesi non dovesse essere di vostro gradimento potete anche telefonare alla Delos e dirlo a loro. A me, vi prego, ditemi solo che è bella.

- Se proprio non vi piace, è solo perché non avete visto quelle che abbiamo scartato!

- Se neanche voi ci foste arrivati (io ci ho messo 1 settimana, e non sto scherzando) non è che alla Delos sono diventati improvvisamente bravi a fare le copertine: è che hanno ricop... volevo dire: si sono ispirati alla grafica di un altro libro.

- Il libro a cui si ispira il titolo non è io robot, anche se è strano visto che ai tempi scrivevo libri di fantascienza. Ora scrivo libri di, uhm... non lo so.

- A me, comunque, effettivamente, questa copertina piace. E qualsiasi libro con il mio nome scritto a caratteri cubitali non può essere brutto.

- Aver intitolato questo blog il mondo quasi nuovo è solo una coincidenza, e non l'insano progetto di chiamare tutto quello che scrivo col nome di un libro famoso, sperando che la gente si sbagli a comprarlo.

- La scheda di presentazione che la Delos ha inviato ai distributori contiene anche il seguente passaggio:

Io scrivo è un libro intelligente, divertente e dissacrante, che pur rivelandosi una vera miniera di consigli utili per ogni autore alle prime armi che intende affinare la propria tecnica per arrivare a pubblicare, non perde l’occasione per indagare nel vasto mondo dell’editoria, con i suoi trabocchetti e i suoi percorsi difficili, e in quello, forse ancora più ampio ed eterogeneo, degli scrittori in cerca di editore, apparentemente disposti a tutto pur di pubblicare. Proprio come Simone Maria Navarra!

Adesso: dopo aver scassato le palle per anni con i corsi di scrittura mi hanno messo tre ente ente ed ente uno di fila all'altro, e 'sto Simone Maria Navarra nemmeno lo conosco ma da come ne parlano già mi sta un po' sulle scatole.

Però un libro così me lo comprerei subito! ^^

Simone

41 commenti:

Matteo Scandolin ha detto...

... la somiglianza della copertina è inquietante... ma la qualità del tuo libro (*) è superiore!
MS

(*) a giudicare dai post del vecchio sito...

Gloutchov ha detto...

eh..eh.. a me ricorda IO UCCIDO... di Faletti ^_^

Comunque non è brutta come copertina e... beh, sarei pure curioso di vedere le altre ma non credo che la delos ti permetta di mostrarle ^_^

Quanto al comprarlo, beh... sai... è il solito manuale che parla di scrittura, oramai non c'è più nessuno che scrive e son tutti ad insegnare a scrivere hi..hi..hi..
(ovviamente scherzo).
Andrò a chiederlo a tutte le librerie che conosco, dando nomi falsi, travestendomi e... se necessario, tentando pure di sedurre i commessi, pur di farlo apparire nei negozi!!!

Matteo Mainardi ha detto...

Dato che la copertina è una fotocopia di "Io uccido" (e ciò significa che è veramente bella) spero che tu guadagneai tutti i soldi che ha fatto Faletti con quel romanzo!

Alex McNab ha detto...

Mi sembra l'incrocio tra la copertina del libro di Faletti e uno di King :)

Ovviamente l'augurio è di emulare (in termini di vendite) i due pennivendoli testè citati :)

PS: cmq non è male la copertina, no, no!

Mighty83 ha detto...

Beh una cosa è certa... Appena esce lo compro! :-)

Simone ha detto...

Matteo: gra(*)

(*)zie

Glauco: magari più avanti metto online qualche bozza scartata... e grazie per l'impegno e la collaborazione!

Matteo: be', visto che in realtà è una fotocopia al 50% (la penna è aggiunta) mi accontenterò di guadagnare la metà ^^

Alex: grazie, anche secondo me l'idea è simpatica e la copertina attira l'occhio, per cui mi sembra più che buona.

Mighty: grazie... proprio il genere di commento che volevo sentire!!! ^^

Simone

Anonimo ha detto...

È Fantastica!! Non vedo l’ora di comprarlo! ;)

Valery ha detto...

*Coof coof*

a me quel colore che sembra un incrocio tra cacca di mucca e panettone bruciato, non me piace, per il resto è carina la copertina...

Ma perchè "simone maria navarra"?insomma chi si ricorda ben 3 nomi?
Io avrei messo simone navarra, o al limte "simone M. Navarra"

A presto
Valery

progvolution ha detto...

In bocca al lupo!

gelostellato ha detto...

tre nomi... maledetto!

Simone ha detto...

Anonimo: grazie!

Valery: il colore vedremo quando lo stampano. Per il nome, io mi chiamo effettivamente così per cui... magari uno pseudonimo ^^.

Progvolution: crepi!

Gelo: e pure scritti grandi, ah ah! ^^

Simone

Auro ha detto...

A parte la cosa del colore (sono d'accordo con chi ha scritto che fa schifo) ti faccio tante congratulazioni e un enorme in bocca al lupo. La copertina è bellissima.

Deve essere una grande soddisfazione, quindi per darti una mano andrò di libreria in libreria chiedendo del tuo libro. Ma devo proprio prenotarlo in tutte? No perchè una copia la compro volentieri ma con tutte le librerie che ci sono a Parma...

Ah no, idea migliore: e se dato che sono in un corso di comunicazione/giornalismo faccio un bel passaparola? Tanto qua di grafomani incalliti che vogliono fare gli scrittori ce n'è a iosa!

keypaxx ha detto...

Complimenti per la cover! a me piace molto e spero possa essere quella definitiva.
:)

dactylium ha detto...

Manco da un po' e vedo che ci sono novità di rilievo.

La copertina mi piace come impostazione grafica, però il colore di sfondo non mi piace come appare a video.
Dovresti vedere qualche prova di stampa per valutarlo nella sua realtà, però se a video appare marrone non è che in stampa diventi giallo o verde, al limite bordeaux...

Personalmente avrei utilizzato un colore più tenue e riposante, anche se quello attuale forse cattura di più l'attenzione. Però catalizzare non significa necessariamente che inviti all'acquisto. Purtroppo si sa che la copertina conta molto, spesso più del contenuto quando il libro sta sullo scaffale.

OK, credo che andrò alla Mondadori, mi altererò con qualche commesso, chiederò del responsabile e poi su lungo la scala gerarchica fino a Marina, per la mancata (e inventata) promessa dell'arrivo del libro del Navarra.
A quel punto dovrebbero ordinarlo per forza. ^^

Scherzi a parte, sono contento perché deve essere una soddisfazione ineguagliabile.
Bravo S.M.N.!!!

Un saluto, dacty

Luca76 ha detto...

Bravo Simone!
Complimenti: la copertina a me piace, anche se un pò cupa.
Deve essere una grande soddisfazione.
In bocca al lupo!
Luca

luigi ha detto...

Complimenti per il bel traguardo.

Simone ha detto...

Auro: ma no, non lo prenotare! Basta che chiedi, così magari il libraio se lo ricorda e quando sarà il momento lo ordina pure.

Keypaxx: grazie!

Dacty: grazie anche a te. Per il colore credo che nella versione definitiva sarà un po' diverso visto che quella che vedete è una bozza senza profili colore o altro.

A me comunque piace così: farlo tutto nero darebbe meglio l'idea dell'inchiostro versato dalla penna ma forse sarebbe troppo scuro. Comunque vedremo come verrà la stampa definitiva!

Luca: grazie!

Luigi: e grazie anche a te!

Simone

Valery ha detto...

Bè anche io sono per esteso: Veronica Valeria P.... ma lungi da me far memorizzare ben tre nomi alle persone.

spero che almeno al colore date una schiaricata, cos' è un po' cupa!

ciao Smack!
*qui nevicaaa*

Valery

Simone ha detto...

Valery: sono abbastanza convinto che il colore sarà più chiaro anche se io lo terrei più scuro... e Simone Maria Navarra oltre che è il mio nome e mi piace suona anche molto "sudamericano", per cui potrei effettivamente vendere molti più libri così ^^.

Qui diluvia!!!!

Simone

Anonimo ha detto...

Attento al pesce d'Aprile:)

Carmille ha detto...

Ahimè, non bisogna aver troppa fiducia nei librai. Giorni fa sono andato a cercare un titolo, e mi fanno: no, ce ne avevano mandato uno a settembre ma l'abbiamo venduto. E se l'avete persino venduto, perché non l'avete riordinato, porcaccia miseria? N.B. vendere un titolo presente in copia unica nello scaffale non è facile come venderne uno le cui copie formano una piramide di tre metri davanti all'ingresso.

Comunque il libro lo comprerò, e questo dovrebbe farti capire quanto ti voglio bene: altrimenti piuttosto che dar dei soldi a Delos preferirei nutrirmi di sterco ^_^

Simone ha detto...

Anonimo: crepi il pesce d'Aprile! (Ma era questa la risposta giusta?) ^^

Carmille: la cosa peggiore credo sia avere una piramide invenduta ^^.

Il libro spero davvero che ti piaccia... e poi se qualcuno ti vuole bene fa sempre e comunque piacere ^^.

Simone

Federico Russo "Taotor" ha detto...

Mi ricorda tanto le copertine della fantacollana Nord degli anni '90 credo. ^^

Il seguito di "Io scrivo" sarà mica "E tu?"? XD Battutaccia... vabbe', dài, è Natale!

il matto ha detto...

Oddio, pure il titolo ricorda vagamente io uccido eh! -.-"

Simone ha detto...

Federico: uhm, toccherà trovare un altro libro famoso da cop... a cui ispirarsi, intendo ^^.

Il matto: vabbe' l'idea era quella!

Simone

andreafranco ha detto...

Bellissima la copertina... considera una copia già venduta!! ;)

Nocoldin ha detto...

Veramente simpatica la copertina!

tosca pagliari ha detto...

In bocca al lupo Simone! E crepi non il lupo, ma l'intero branco con buona pace di una animalista come me.
Pubblicare non è la cosa più difficile. E' vendere un libro di una casa editrice minore che ha scarsa visibilità. Potenzialmente il libro potrebbe essere presente in quasi tutte le librerie, poi così non lo è e si ricorre agli amici che lor richiedono e poi aspettano che arrivi. Di amici bisognerebbe averne tanti. Tutte queste cose te le dice una che dal gennaio dell'anno scorso ha pubblicato un romanzo "Le foto salvate" ( racconto genealogico di due famiglie che s'intrecciano e delle vicende della protagonista che si assume il compito di regalare ai propri figli un'identità più profonda dopo aver riavuto fortuitamente un vecchio albm di foto). Detto così pare tutta una tiritera, per fortuna è ben altro, chi lo ha letto lo ha trovato così entusiasmante da consigliarlo e comprarne altre copie per regalarle. Per tutta una serie di eventi questi amici sono distribuiti in varie parti d'Italia eppure non è che ci sia stato il clamore di quelli più che proposti imposti dalle grandi case editrici.
Magari tu avrai più fortuna e te la auguro di cuore. Per ora pregustati la gioia dell'attesa che è come una dolce gravidanza e la felicità assoluta d'avere il libro pronto tra le mani, quale meraviglioso figlio del proprio ingegno.
Per il resto si vedrà. La copertina è particolare, vedrai che attirerà l'attenzione. Se caso mai ti dovesse interessare la mia puoi andare sul sito http://www.lefotosalvate.it
oppure se vuoi passare a fare quattro chiacchiere sul mio blog si parla tanto anche del problema degli scrittori emergenti
http://www.lefotosalvate.com/toscapagliari.
Ciao, mi piacerà sentir parlare di te in futuro nel mondo degli scrittori.
Tosca Pagliari

Kinsy ha detto...

Congratulazioni!!1
Anche a me la copertina ricorda il libro di Faletti... Spero non ti poti pregiudizi da parte dei lettori.
Io non vedo l'ora che esca per comprarlo!

Ladonna Delmonte ha detto...

Ringrazia Dio che ce l'hai una copertina! Io, utente de ilmio libro.it, solo l'unica cui il sistema rifiuta di personalizzare la cover e devo accontentarmi e condividere con altri porcherie grafiche che solo a vederle ti viene un magone!
Bravo comunque. Trovo il tuo blog molto divertente: soldi a parte, deve essere una bella soddisfazione. Vivendo all'estero, non posso prometterti di acquistare subito il tuo libro. Ti auguro pertanto una seconda edizione! In bocca al lupo
Ladonna Delmonte

Simone ha detto...

Ringrazio ancora una volta tutti quanti per i commenti e per il grande incoraggiamento!

Simone

Hiperba89 ha detto...

ciao, ho trovato il tuo blog per caso, nel tentativo di documentarmi un attimo sul come si scrive un libro.
Solo dopo dando una letta agli innumerevoli post ti ho collegato a Mozart di Atlantide, libro che ho letto circa 2 anni fa.
Ti facci i miei più vivi auguri per la pubblicazione del manuale e i complimenti per mozart di atlantide, che devo dire mi è piaciuto molto.
appena finito asimov mi leggo qualcos'altro di tuo^^
ciao

Simone ha detto...

Hiperba: ma davvero hai letto Mozart a 17 anni? Grazie davvero per i complimenti, ciao!

Simone

Saso ha detto...

Hile pistolero!
Ti ho trovato mentre cercavo una illustrazione per il blocco dello scrittore. E mi sono ritrovato un bel blog e qualcosa di stimolante da leggere. E siccome non riesco a non dire la mia: la copertina non è che mi piaccia così tanto. o meglio, sinceramente-sinceramente, non mi piace per niente. Una stilos vecchia da romanzo à la Davincicode e una macchia che ricorda Io uccido di uno scrittorucolo mediocre. Secondo te rappresenta il contenuto? a me non passerebbe proprio per la testa di comprare un libro che sembra l'ennesima trovata sulla scia dei "casi editoriali". Ad ogni modo, se non costa troppo (sai, noi scrittori emergenti non navighiamo nell'oro e a volte dobbiamo rinunciare a qualche vizio, tipo leggere troppo ma troppo) lo comprerò e lo prenoterò come consigli. Amo i libri a tema "Io scrivo e mi rompo il culo ma non mi leggono semplicemente perché non mi pubblicano". Ne vorrei scrivere uno anch'io una volta. No, anzi no. Cioè, poi vediamo, se il tuo è definitivo, il libro definitivo intendo, che altro avrei da aggiungere.

Ah, il mio blog è una minchiata. Te lo dico prima per non fare brutta figura dopo.

Tieni Botta,
Saso

Simone ha detto...

Saso: be', la copertina alla fine la decide l'editore, e se davvero te lo compri direi che in qualche modo "strano" la scelta è stata azzeccata ^^.

Comunque non credo che esista il libro "definitivo", per cui aspetto di leggere il tuo!

Simone

Mennon Israim ha detto...

Ho appena finito di leggere il tuo libro e sinceramente mi ha deluso, non perchè non mi sia piaciuto, ho apprezzato tantissimo la parte "I libri che non mi pubblicherebbero", ma perchè me lo aspettavo più simile a "Il prontuario dello scrittore", nella stessa collana. Probabilmente mi hanno tratto in inganno il titolo e la recensione sul sito dell'editore; il tuo è più uno scoraggiamento a scrivere che un manuale di sopravvivenza creativa per scrittori esordienti. Io lo avevo comprato per mia figlia, di 10 anni, per farla migliorare nella scrittura, ma dopo averlo letto ... Ti auguro in ogni caso un grande successo e quando sarai alla seconda edizione cerca di far correggere i due refusi di stampa che ne rovinano la scorrevolezza nella lettura.

Simone ha detto...

Mennon: grazie per avermi scritto, anche le critiche negative sono molto utili e specie se parlano dei contenuti di un testo piuttosto che semplicemente della forma.

Mi dispiace di averti deluso. In effetti il libro non vuole dare insegnamenti pratici sulla scrittura, come invece fa quello di Franco, ma è più una visione sull'editoria dal punto di vista di chi - come tanti - si trova di fronte a tante difficoltà.

Probabilmente non va bene per chi è molto giovane e che magari ha più bisogno di un incoraggiamento piuttosto che di qualcuno che mette più in luce gli aspetti negativi. Credo anche che sia più un testo "sulla scrittura" che "per la scrittura", e che magari più che spingere a non scrivere può anche dirti che sì, ci sono tante cose anche negative che si dovranno affrontare ma non vuol dire che non si possa farlo anche semplicemente sapendo a cosa si va incontro.

Probabilmente, come hai detto tu, non era proprio il libro che cercavi o che faceva al caso tuo, per cui mi dispiace. Grazie di nuovo per avermi scritto!

Simone

Mennon Israim ha detto...

Sono andato a ricercare la breve descrizione del libro che mi aveva invogliato a comprearlo ed è testualmente: "Un manuale di sopravvivenza creativa per autori emergenti, che vogliono migliorare la loro scrittura e, magari, trovare anche un editore disposto a pubblicarli...". La recensione mi sembra molto ingannevole rispetto al contenuto del testo. Pernonalmente, benchè il libro lo avevo comprato per un altro scopo, non rimpiango l'acquisto, e ti faccio di nuovo i miei più sinceri auguri per la diffusione dell'opera,l'unica cosa che forse mi ha dato fastidio è il linguaggio un po' troppo forte che lo rende idoneo solo alla lettura di un pubblico adulto.

Simone ha detto...

Mennon: forse sì è un po' ingannevole... ma in effetti sempre forse anche sapendo certe cose si può scrivere "meglio" non tanto dal punto di vista pratico quanto con un'idea più chiara di quello che avviene intorno.

Ok, magari mi sto arrampicando sugli specchi... ^^ riguardo al testo, pensa che in fase di editing ho tolto non so quante parolacce! Ma non è la prima volta che me lo fanno notare, magari dovrò starci un po' più attento.

Grazie di nuovo!

Simone

Mennon Israim ha detto...

Personalmente ti darei due consigli, non da esperto, ma da lettore. Il primo riguarda le parolacce, personalmente le toglierei tutte. Il secondo riguarda la recensione, personalmente la modificherei aggiungendo quello di cui tratta effettivamente nel libro. Ci sono tanti potenziali acquirenti che cercano un libro del genere ma non sanno che c'è. Di nuovo in bocca al lupo per il successo del testo e per le prossime pubblicazioni.

Simone ha detto...

Mennon: per le parolacce in genere sono il primo a cercare di toglierne il più possibile. Molte delle cose che scrivo passano per il blog, dove uso un linguaggio più "diretto", per così dire, e poi quando rivedo tutto lo cambio un po'. Proverò a farci più attenzione.

Riguardo a quella che chiami "recensione", si tratta di una presentazione scritta non da me ma dall'editore, che evidentemente la ritiene adeguata o forse più in tema su come vede lui il libro piuttosto che come lo hai visto tu o come lo vedrei io. Non ho insomma un controllo diretto su quello che c'è scritto, ma farò presente la cosa all'editore e magari ci penserà lui.

Grazie davvero per i consigli, ciao!

Simone