15/04/09

Libri, studio, scrittura... e ringraziamenti.

Solito punto della situazione periodico, con qualche novità interessante (che del resto probabilmente già conoscerete).

Libri: o meglio Il libro: finalmente è uscito Io scrivo, che è disponibile già da alcuni giorni all'interno del negozio online della Delos Books.

In libreria ancora non si trova (o comunque non l'ho trovato io, almeno qui a Roma). Un commesso poco incline al dialogo mi ha detto che lo aspettano in un periodo variabile tra la settimana scorsa e fine mese (sperando che si tratti almeno del mese di Aprile), per cui magari tornerò a rompergli le scatole tra qualche giorno e poi vi farò sapere.

Speriamo solo che, alla fine, non mi costringano a comprarlo ^^.

Scrittura: prima di tutto, trovate un mio ritorno alle origini su Cabaret Bisanzio, il blog collettivo con cui sto collaborando da qualche settimana.

Si tratta di un post ricicl... volevo dire: riveduto e corretto della serie sugli errori degli aspiranti scrittori. Per ora ho in programma altri 2 articoli - per così dire - di seconda mano, ma poi ce ne dovrebbero essere anche un paio nuovi nuovi... sempre se non mi scanneranno dopo il secondo, che è quello sulle "d" eufoniche.

Per il resto la scrittura prosegue sempre e solo online e con brevi articoli come quelli che leggete qui, mentre dal punto di vista della stesura di nuovi romanzi continuo a rimanere bloccato.

A dirla tutta, sono certo che scriverò ancora un sacco di altre storie (vabbe', intanto pensiamo a scriverne almeno una ^^). In ogni caso le cose che scrivo ora mi piacciono, e forse non sarebbe poi così male nemmeno una carriera da - ehm - scrittore filosofo della domenica. In fondo è un tipo di scrittura anche quello, non credete?

Studio: come già detto, questo semestre di Medicina (il secondo del primo anno) è pesante, ma ormai siamo già in dirittura di arrivo. A metà/fine Maggio si chiudono i corsi, per cui non dovrò più seguire e sarà il momento di dare gli esami.

Il problema è che non so ancora nulla di Istologia, il libro di Embriologia è l'unico testo al mondo che riesce a essere noioso parlando di sesso, e in Biochimica 1 sono una capra (mi pare di aver già confessato la mia totale inettitudine nei confronti della Chimica). Resta Genetica che forse se la studiassi andrebbe decentemente, e insomma ora come ora non vedo questo esito brillante degli esami che dovrò fare a Giugno e Luglio.

A Gennaio mi sono praticamente chiuso dentro casa a studiare... e mi sa che a breve mi toccherà ri-rinchiudermi di nuovo.

Ringraziamenti: il mio libro non è praticamente ancora quasi nemmeno uscito, che già un sacco di amici e frequentatori del blog o anche colleghi autori della Delos e di altre case editrici ne hanno parlato... e per di più anche bene!

Da quanto ho capito, un libro del genere si riesce a vendere (o per lo meno a far girare un po') quasi esclusivamente grazie al passaparola. Insomma, grazie davvero a tutti per questo grandissimo aiuto... e quando un domani sarò (quasi) famoso e vi diranno: ah, non capisco come facciano ad avere successo certi libri del cavolo! voi potrete rispondere con orgoglio che, in effetti, è quasi tutta colpa vostra.

E anzi: questa volta, il quasi lo toglierei.

Simone

7 commenti:

Velocifero ha detto...

Oh, per tutti i lol,
non avevo mica capito che eri tu lo studente di medicina di cui parlavi nel mio blog :O
Me rinco.
Comunque, comprendo benissimo... Istologia io l'adoro, Embriologia di meno, Genetica e Biologia sono il mio incubo. (Ma non parliamo di Anatomia I) :D
:)
A presto,
un forse doppio collega

Simone ha detto...

Velocifero: eh sì, ero proprio io! E Anatomia I io l'ho già fatta ^^.

Simone

Alex McNab ha detto...

Il prossimo a parlare del tuo libro sarò io, che manco ancora all'appello!
E comunque in bocca allo zombie! :)
Spero poi di vedere anche qualche tuo romanzo sugli scaffali, ma è giusto fare un passo alla volta, sennò si rischia di inciampare!

un abbraccione :)

Simone ha detto...

Alex: sì, avevo letto il tuo commento sul blog di Glauco.

E crepi lo zombi!

Simone

Auro ha detto...

Io ho fatto passaparola con le mie amiche ma... arriverà anche a parma il tuo libro no?

Simone ha detto...

Auro: da quanto ho capito, il fatto che il libro arrivi fisicamente o meno nelle singole librerie dipende dagli ordini dei librai. Se al libraio piaceva allora lo ha ordinato, altrimenti no, come del resto accade per tutti gli editori e non solo per la Delos.

Però il libro ha una distribuzione nazionale, per cui credo che si possa ordinare senza grosse difficoltà. Un mio amico per dire lo ha richiesto alla solita grande F, e quando arriverà gli manderanno un sms per avvisarlo.

Insomma fammi sapere se lo trovi... e grazie davvero! ^^

Simone

Anonimo ha detto...

Ma lascia perdere Cabaret Bisanzio, sono solo un branco di snob