07/09/09

Il primo libro del secondo blog, e l'aggiornamento di settembre.

E rieccomi qui, pronto e pimpante nonché già scazzatizzimo per il rientro a Roma... ma per quello c'è poco da fare.

Riapro ufficialmente il blog, riassumendo in maniera rapida che cosa ho combinato quest'estate... ovviamente dal punto di vista universitario e letterario.

Seconda laurea in medicina: i corsi del secondo anno iniziano tra un paio di settimane. Gli esami del primo anno li ho finiti a Luglio, per cui non devo (o almeno non dovrei) preoccuparmi di università e studio, almeno per un altro pochino. Insomma, ne riparliamo.

Scrittura: ho finito il libro del blog. Cioè il libro di questo blog, il primo libro del secondo blog. Il mondo quasi nuovo, insomma.

Ho riunito i vari post scritti in un anno, ho buttato via quelli stupidi (non tutti, se no che libro facevo? ^^), inutili (vedi parentesi precedente) o che non mi piacevano, ho sistemato il tutto dandogli una specie di ordine molto vago (ho riunito i post in vari gruppi), e poi ho riletto e rieditato tutto quanto.

Adesso non resta che ri-stampare e ri-dare una letta definitiva a tutto, magari buttando via qualcos'altro, ma sinceramente mi pare che il lavoro sia più o meno concluso e forse potrei anche lasciarlo così.

I vari gruppi di post, che formano una sorta di capitoli, si intitolano... uhm, già me li sono scordati... insomma più o meno: lo studio quasi nuovo, la filosofia quasi nuova, il sesso quasi nuovo, la società quasi nuova, vita da single e il mondo quasi nuovo. Credo che gli argomenti trattati siano ovvi... a parte forse il sesso, che non so davvero io che cosa dovrei avere da dire. ^^

Ho già in mente la copertina, che spero di trovare il tempo di realizzare già in questi giorni: la foto di un mappamondo con un cerotto appiccicato sopra e un'etichetta che dice "quasi nuovo".

Cosa mi aspetto, da un libro del genere (si chiederà qualcuno, o per lo meno me lo chiedo io)? Sinceramente è un enorme incognita. Secondo me eventuali lettori, editori, critici e rompipalle vari potranno anche distruggermi dicendo che è un testo pieno di stronzate (cosa che non escluderei a priori) e ho anche un po' paura dei giudizi che potrei ricevere su certe opinioni che ho dato (che comunque sono state tutte già pubblicate e commentate nel blog, per cui voi non vi stupirete).

Però sono contento di averlo scritto, ecco, e anzi a livello istintivo - al di fuori di un giudizio sulla qualità effettiva del testo - mi sembra quasi la prima cosa scritta da me che abbia realmente senso di esistere. Finalmente mi sono guardato attorno e ho detto le cose che mi venivano in mente, senza filtri strani, personaggi inventati o figure retoriche assurde che poi capivo solo io.

Adesso penso che proporrò il testo a diversi editori, nessuno mi risponderà e alla fine lo metterò online come da programma... per cui per leggerlo pazientate un po'. O al limite ri-sfogliatevi il blog ^^.

Blog: per essere coerente dovrei chiudere anche questo blog, cambiare argomento o comunque fare qualcosa. Intanto lo tengo così perché non so ancora bene come muovermi. L'idea di andare avanti un altro po' a questo modo non mi dispiace, anche se c'è sempre quell'idea del blog-romanzo però non come gli altri blog romanzi che trovate online, ma un po' diverso (sempre se ne sarò capace, ovviamente). Solo che appunto non lo so, vedremo.

Ok, per il momento direi che basta. Da domani (o dopodomani va') si ricomincia davvero ad aggiornare con le solite boiate... sempre che come dicevo non ci ripensi prima e non mi venga in mente altro.

Che poi in realtà qualcosa in mente mi sa che già ce l'ho davvero.

Quasi.

Simone

7 commenti:

dactylium ha detto...

Non mi ricordo se 'sta cosa già te l'avevo detta: al limite la ripeto.

È inutile che scrivi che sei scazzatissimo per il rientro a Roma.
Voglio dire, tu, quando termini le vacanze, ritorni a Roma, non in qualche sperduto paesucolo di provincia.

Abitare in una città del genere dovrebbe lenire la nostalgia delle vacanze finite.

Privilegiato! ^^

Ciao, dacty

Gloutchov ha detto...

Beh... che dire? Tanti auguri per il libro "quasi nuovo" (l'idea della copertina è interessante... io mi ispirerei ad alcune aste su ebay!). Buon rientro nella capitale e... beh, per gli studi cosa si dice normalmente? In culo alla Balena? No, forse no! ^_^

Mirco ha detto...

ben tornato :D
spero che anche questo libro trovi un editore.

Roby ha detto...

Tira fuori l'ottimismo! Si sente che c'è ma non lo esprimi. In bocca al lupo per il nuovo libro. ;-)

La Zia ha detto...

Continui a stupirmi per la quantità di cose che riesci a fare nell'arco di una giornata, mi consolo credendo fermamente che tu abbia a tua disposizione il doppio del mio tempo e cioè almeno 48 ore da quando ti alzi la mattina.
Per favore non smentirmi perchè già mi sento una nullafacente solo a leggere i tuoi post.
Invece mi dici dove posso trovare in giro dei blog-romanzi?

Bentornato a casa.

La Zia Gigia

Simone ha detto...

Grazie a tutti!

Dacty: in effetti hai ragione... ma sono scazzato uguale! ^^

Glauco: speriamo che non c... ^^

Mirco: grazie!

Roby: ok, più ottimismo allora! ^^

Zia: veramente mi pare di sprecare un sacco di tempo!

Riguardo ai blog libri, uno è sicuramente il tuo... poi mi pare Alex ne stia tenendo uno proprio adesso. Confesso che non riesco molto a seguirli, per questo vorrei fare qualcosa di differente.

Simone

La Zia ha detto...

glielo devo dire ai miei parenti e amici (costretti, poveri loro, a leggerlo) che il mio è un blog-romanzo! chissamai che la smettano di prendermi in giro!

comunque, ragasso mio, se tu perdi tempo...allora io vivo in un'altra dimensione, una sorta di distorsione temporale in cui sono evidentemente intrappolata!!

La Zia da salvare.