10/07/15

13180 buoni motivi.

Tutti fermi buoni e in fila, che dobbiamo fare l'appello!
Aggiornamento carico di pathos (si fa per dire) con la notizia di praticamente 5 minuti fa arrivata dal Ministero: al concorso per la specializzazione siamo in - fammi vedere - 13180 partecipanti.

I posti a concorso sono qualcosa più di 6000. 6300, mi pare. E insomma, ora vi aspetterete il solito pianto lamentoserrimo di quello che "io la specializzazione manco la voglio fare"... ma, invece, siamo ottimisti: mi aspettavo molto peggio.

Avevo fatto due conti, e pensavo che saremmo stati 18-20 mila partecipanti. Un posto in specializzazione ogni 3 e passa. Così invece c'è - quasi - un posto ogni 2, e le statistiche si fanno più favorevoli.

Che poi se andassimo a vedere il numero preciso delle persone realmente interessate alla medicina d'urgenza, sono quasi convinto che il totale degli aspiranti medici di pronto soccorso sarebbe inferiore a quello dei posti a disposizione.

Certo a Roma o in altre città grande non si entra perché non si entra (visto che metteranno tutti quelle come prime scelte) ma secondo me il medico di pronto soccorso è e resterà un lavoro "desiderato" da pochi. Per tutti i motivi del caso che sono - essenzialmente - che si tratta di un lavoro faticoso, che si guadagna meno rispetto ad altri indirizzi, che ti becchi un sacco di fregature e responsabilità, che i pazienti ti denunciano e ti picchiano... e tutte le cose insomma che ti fanno amare questa branca della medicina.

Per cui, ecco, se ci fosse una selezione a parte del tipo "chi vuole fare l'urgentista, e solo l'urgentista, metta il dito qua sotto", secondo me bisognerebbe capire dov'è che ti mandano, ma alla fine ci sarebbe posto per tutti, o quasi.

Il guaio dei 13000 e rotti partecipanti, è che potendo ognuno mettere 3 scuole di specialità come possibili opzioni, finisce che ti trovi a competere con tanti altri neo-laureati che magari non entrano nella loro - ambitissima - prima scelta, ma che partono magari con un punteggio più alto del mio, sono più bravi (perché è vero che tanti, sulla teoria, sono più bravi di me) e possono facilmente raggiungere un punteggio migliore e fregarmi il posto.

Tutto giusto e tutto corretto: alla fine non è che uno può essere limitato a una scelta sola. Però pure un po' mi scoccia pensare che magari quello che volevo tanto fare io, finirà per essere la vita di qualcuno che invece voleva tutt'altro.

2 persone insoddisfatte al prezzo di una, insomma. Ma così è la vita. E sono 2 o 13mila, a seconda di come andrà 'sto concorso.

A parte questo insomma continuo a studiare (con un briciolo di ottimismo in più, lo ammetto). Dal 28 al 31 ci saranno le prove, e vi dico solo che tocca stare lì - in una sede lontana e immersa nel traffico - alle 8 di mattina per un test che inizia alle 11 e che dura 1 ora o pure meno, a seconda delle giornate.

Insomma mi aspetta una bella ammazzata. Ma almeno ho qualche buon motivo per crederci almeno un attimino in più rispetto all'ultima volta.

Vedremo. Vi farò sapere. E intanto torno a studiare.

Simone

13 commenti:

Marco Tonin ha detto...

In bocca al lupo!!!!

Anonimo ha detto...

Non credo che quelli più "bravi" di te metteranno tra le opzioni disponibili proprio la medicina d'urgenza. Le specializzazioni sono tante, e il medico d'urgenza vogliono farlo in pochi. Sono ambite pediatria, ginecologia, oculistica, ecc... Al limite scelgono anestesia e rianimazione, ma anche questa specializzazione è poco ambita (e infatti si trova facilmente posto). Secondo me passi il test e sarai pure destinato a una sede comoda. Per fortuna che ci sono persone come te, Simone. Sennò i medici sarebbero solo quelli che vogliono far soldi coi problemi della gente. Un grosso in bocca al lupo. Lisa

Nimbus ha detto...

stavo per scrivere quello che ha scritto Lisa. per altro tu stesso dici "se ci fosse una selezione a parte del tipo "chi vuole fare l'urgentista, e solo l'urgentista, metta il dito qua sotto". La scelta di ripiego in genere è medicina interna, medicina d'urgenza mi sembra troppo specifica... dai che magari alla fine non dovrai cambiare città :)

Simone ha detto...

Crepi il lupo!

Nimbus/Lisa: nei grossi numeri (13000 persone con 3 scelte sono 39000 opzioni totali) anche se come specializzazione è meno richiesta si riesce comunque a saturare anche medicina d'urgenza.

Alla fine saranno 600 domande per i 100 posti in specializzazione (lo scorso anno il rapporto era più o meno quello). Alla fine quello che conterà è il risultato assolutamente casuale dei test: se chi ha messo emergenze come seconda scelta entrerà nella prima lascerà libero il posto. Per cui per assurdo bisogna sperare che a competere con me siano gli studenti più "forti", così che vadano talmente bene da non competere proprio :) È un po' contorto come ragionamento, ma spero che si capisca.

A Roma c'è un affollamento tale che almeno alla Sapienza i punteggi sono al di sopra dell'irraggiungibile (almeno per quanto mi riguarda :) Poi magari un buchetto alla Cattolica esce fuori... io non ho aspettative come già detto vedrò come andrà e poi deciderò di conseuguenza.

Alla fine pure se non entrassi e passassi la vita a fare il medico volontario per i migranti mentre lavoro come ingegnere non sarebbe male, no? Certo lavorare in pronto soccorso e fare il volontario uguale sarebbe meglio... ma gli ingegneri fanno turni molto meno impegnativi! :)

Grazie a tutti! :)

Simone

Andrea ha detto...

Quindi alla fine hai deciso per il concorso! ;) medicina d'urgenza secondo me è stupenda.in bocca al lupus!

Nimbus ha detto...

beh, dopo 6 anni di medicina però, ti auguro di passare la specializzazione e di fare piuttosto l'ingegnere volontario :P

Anonimo ha detto...

ciao Simone, in bocca al lupo
ma a parte medicina d'urgenza quali sono le altre tue 2 opzioni?
ale

Simone ha detto...

Andrea: crepi il lupus!!! :)

Nimbus: ma l'ingegnere volontario che fa? E poi è un lavoro talmente noioso che comunque gratis non lo faccio, mi devono pagare! :)

Ale: ho messo seconda scelta Anestesia e terza Medicina Interna. Crepi il lupo!

Simone

pepepatchwork ha detto...

Forza, Simone!!!!!!!!!!!!! Tifo per te!!!!! E... se la sede è lontana, concediti un lusso. Così ho fatto io quando mi sono ritrovata in ritardo per il test d'ammissione: un bel taxi, crepi l'avarizia! In cinque minuti ero dove dovevo essere, con largo anticipo, fresca e riposata... io che da studentessa giovincella facevo il tragitto a piedi per risparmiare sulla metro, pure con la pioggia. Concediti un B&B per quella notte vicino alla sede degli esami, così eviti stanchezza e ansia che magari possono incidere un po' sulla performance. E ti fai pure una bella colazione!!! :) In bocca al lupo!

Simone ha detto...

Pepe: sono 4 notti purtroppo. Comunque avevo pensato al B&B, ma in realtà il posto è lontano ma non "abbastanza" lontano da trarre un concreto vantaggio nell'avvicinarsi un po'. Alla fine risparmiavo un 15 minuti e ho pensato che non ne valesse la pena, comunque sì era una bella idea! :)

Crepi il lupo!!!

Simone

Bea ha detto...

Ciao Simone, sono una tua assidua lettrice. Ho letto tutti i post del tuo blog "da ingegnere a medico", ogni sera ne leggevo qualcuno e mi facevano compagnia, ma, soprattutto, mi hanno spronata a tentare di fare qualcosa di grande anche io. A settembre, infatti, tenterò il test per medicina. E' vero, io ho "solo" 22 anni, però la vedo come una grande sfida, anche perchè ad ottobre mi laureerò in fisioterapia. Benchè io adori il corso di laurea che ho scelto, questi tre anni mi hanno fatto capire che non mi basta...ho bisogno approfondire alcune cose. Non lo vedo come un passo indietro, bensì un passo avanti, non mi pento della mia scelta iniziale, ma voglio andare oltre. Poi questa laurea mi permette, se un giorno dovessi capire di non potercela fare con medicina, di mollare l'università un po' più a cuor sereno, infatti avrei comunque una buona laurea in mano facilmente spendibile nel mercato del lavoro.
Detto questo, avevo piacere semplicemente di dirti grazie perchè dai tuoi post ho veramente imparato tanto. Quando a volte ho dei dubbi, dei ripensamenti o non semplicemente sono triste per i cavoli miei mi rileggo il tuo post "I problemi sbagliati", alla fine della lettura sto già molto meglio, è come se mi riportasse nella giusta realtà delle cose.
Quindi ancora grazie e un grande in bocca al lupo per il test di specialità.

Beatrice

Simone ha detto...

Beatrice: questa cosa che mi dici, che ogni tanto vai nei vecchi post e li rileggi... be', non potevi farmi complimento migliore. Confesso che anche io ogni tanto rileggo qualcosa che ho scritto in passato... ma questo fatto al contrario forse non lo dovrei troppo raccontare :)

Sicuramente il discorso che fai è giustissimo, e ti auguro di realizzare tutto quello che cerchi. Ciao e grazie! :)

Simone

Anonimo ha detto...

Beatrice, anche io sono una assidua lettrice di questo blog, nonostante sia estranea al mondo della medicina. Simone mi sprona a fare di meglio, e soprattutto è una persona interessante; nella quotidianità è difficile incontrare persone interessanti. Meno male che c'è il web...
Hai fatto un discorso sensato e stai facendo la scelta giusta. Ti auguro ogni bene. Pensa: sarai medico e anche fisioterapista, potrai giocarti entrambe le carte. Vai avanti per la tua strada!
Lisa