07/10/08

Il mio primo giorno di università!

L'università è cambiata, da quando ci andavo io. Intendo da quando ci andavo prima, per la prima laurea, ovviamente.

Certo, forse è solo diversa la situazione tra Ingegneria e Medicina, ma nell'aria c'è fin da subito qualcosa di diverso.

I professori sembrano simpatici. Più che simpatici, paiono addirittura incitare le nostre domande e poi restano lì a rispondere a eventuali dubbi. Durante la pausa sono andato a chiedere un'informazione al docente, e questi mi ha risposto mostrandosi addirittura disposto a parlarmi di nuovo se mai se ne fosse presentata la necessità.

Ancora mi ricordo la prima domanda che fece un mio vecchio amico ingegnere (allora studente) al professore che stava per iniziare la lezione: scusi professore volevo chiederle... non fece in tempo a finire la frase che quell'altro se lo mangiò vivo: tu non sei niente, tu sei un centosessantesimo del corso, non conti niente e non devi permetterti di venire qui a farmi perdere tempo.

Lo sfortunato studente andò di corsa ad accucciarsi nel suo angolo polveroso (all'epoca era normale seguire seduti per terra) mortificato come non mai, e nessuno osò mai più approfittare del prezioso tempo del sopracitato docente. E quello lì era il professore bravo. No, dico davvero.

Qui invece, come dicevo, si presentano tutti come disponibili. È anche strapieno di ragazze (a ingegneria ce n'erano una decina su 200 maschi) e l'atmosfera vi assicuro che è tutta un'altra cosa. Quello che è cambiato in peggio è la burocrazia:

Ci sono esami di cui non capisco il nome e che non so ancora di cosa parlano: aho, ma come si chiama l'esame che stamo a seguì?! Vi giuro che l'ho domandato davvero.

Ci sono esami che li segui mettiamo al primo anno, forse alla fine fai una specie d'esonero, ma poi li puoi sostenere soltanto al secondo. E questa cosa vi giuro ancora non l'ho capita.

Ci sono esami che sono in realtà più esami, ma che in realtà sono sempre uno.

Ci sono esami che si chiamano con i suffissi I, II, III e IV, solo che magari IV è il seguito di I mentre II e III non hanno niente a che vedere. E se non si capisce questa spegazione figurateci che cosa c'ho capito io che li devo dare.

C'è gente che mi dice che è impossibile fare primo e secondo anno insieme se mi riconoscono Chimica e Fisica facendomi iscrivere al secondo. C'è gente che mi dice che la cosa è proprio strutturata affinché sia assolutamente fattibile e poi ci sono tutte le varie opinioni del mezzo.

L'unica cosa che so, o che per lo meno diventa di minuto in minuto sempre più evidente, è che se voglio uscirne vivo faccio meglio a comprarmi in fretta qualche libro e a mettermi a studiare.

Sperando di studiarmi almeno qualcosa della facoltà giusta ^^.

Simone

21 commenti:

L ha detto...

Sei molto entusiasta della tua università, beato te, è il modo migliore per iniziare.

Ma il tuo collega non ha detto nulla al "professore bravo"?
Magari all' epoca era un ragazzetto, ma in casi come questo bisogna come minimo mandarli a quel paese.
L' ideale è una bella denuncia: servirebbe a far rispettare un po' di più gli studenti.

Valery ha detto...

eheh quasi sono contenta di non fare l'università!

Ti propongo una rgomento:la Murino sulle pagine di "Tu" ha spiegato il vero motivo per cui vive a Parigi anzichè a Roma:gli italiano mammoni... perchè non ci dai il tuo punto di vista?prl

Valery

luna... ha detto...

che confusione... :-)
no comunque sono contenta per te che questa università sia migliore della prima, però effettivamente quel professore di ingegneria è stato un po' troppo esagerato, in fin dei conti l'università si paga e io non devo pagare per essere trattata in quel modo, non ti pare? il modo giusto di insegnare è quello che hai descritto ora, cioè massima disponibilità!

beh, apparte tutto, mettiti a studiare ben benino eh!

ciao ciao
luna...

Simone ha detto...

L: sì, così poi l'esame vai a darlo in un'altra facoltà ^^

Valery: italiani mammoni... o quasi. Sì sembra un argomento interessante, devo trovare però un'idea simpatica.

Ovviamente se mi viene troverai il post online, prima o poi ^^.

Luna: sì, ma almeno all'epoca studiavi un esame e poi lo davi, qui tra frequenze e corsi integrati non si capisce un c...

Simone

Anonimo ha detto...

li mortacci tua! sono andato sul tuo sito web www.simonenavarra.it e quasi mi becco un virus. che sei un agente del kgb?
drnorton

Simone ha detto...

Dr. Norton: che antivirus te l'ha segnalato e come si chiama? Io non trovo niente, ma una volta avevo un contatore di un sito malvagio che rompeva le palle... ora controllo di nuovo.

Simone

Simone ha detto...

DrNorton: trovato, era ancora il contatore della morte... sto aggiornando il sito ora dovrebbe sparire si spera definitivamente. ^^

Simone

Alex McNab ha detto...

I miei docenti (giurisprudenza) erano delle enormi, boriose teste di cazzo.
Scusa la schiettezza, ma così credo di aver reso l'idea :)

Riguardo a te, mi sembra che stai partendo col piede giusto, anche se la tua facoltà è una delle più impegnative.
Tienici aggiornati: a me fa piacere leggere post come questi, perchè un po' mi ci vedo.
Diciamo che sei il mio alter-ego di un mondo parallelo in cui anch'io mi sono iscritto all'università a 32-33 anni :)

Simone ha detto...

Alex: ah ah, e facciamo che tu sei il mio alter-ego cattivo e vendicativo alla Stephen King, ok? ^^

Simone

Siri ha detto...

Che Caos! Andando avanti di questo passo ti toccherà sostenere una prova persino per capire come funzionano gli esami! (Be’ probabilmente credo che a questo punto nessuno la supererebbe ^^) Scherzi a parte, è bello che ci sia un buon ambiente nel contesto di studi, rende l’atmosfera meno pesante, in quanto agli insegnanti, sebbene non sappia come funzioni all’università, fino ad adesso non credo di averne mai trovati di relativamente “cattivi” Poi chissà proprio come in Man in Black potrebbero essere alieni con il manto da umano, in questo caso prepariamoci al 14 ottobre, l’invasione potrebbe iniziare proprio da lì ^^

P.s. Scusa la mia ignoranza, ma ogni quanto sono i corsi?

Simone ha detto...

Ogni quanto in che senso? In genere gli orari sono la mattina, dalle 8 alle 14. Il pomeriggio è raro che sia impegnato, almeno i primi anni.

Simone

Siri ha detto...

Scusa e che non mi sono spiegata… :) intendevo alla settimana! Se si va tutti i giorni tranne il week-end oppure solo tot giorni, e che ultimamente mi hanno confuso le idee, e devo ammettere che non so proprio nulla di questo mondo universitario! ^^

Simone ha detto...

In genere è da lunedì a venerdì, ma poi dipende dagli anni: al secondo per esempio il lunedì non si va ma credo abbiano delle attività il pomeriggio.

Simone

Auletride ha detto...

Prof così maleducati non ne ho mai incontrati, magari spocchiosi che avevi paura ad avvicinarli, quello sì...ci davano anche del lei. Però non mordevano.

Ho avuto una compagna di stanza che studiava medicina, e lei diceva sempre che in realtà non era difficile ma solo lunga, non serviva essere intelligenti, ci voleva solo tanto tempo e buona memoria.

Cioè, non volevo dire...
...uffa, mi hai capito...

Ma hai linkato il mio blog pieno di fesserie?! O___O
Se arrivano tanti lettori bisogna che cominci a darmi un tono...

Claudio Giubrone ha detto...

Prof stronzi ci sono ancora. Io ne ho uno a cui brucerei volentieri la macchina davanti a lui e poi mi metterei a ballare la samba. A Dicembre devo dare la sua materia, e se lo passo capace che lo mando a quel paese come regalo di Natale.
Esami con i numeri I, II ecc. da me non ci sono, ma un mio amico che fa ingegneria mi ha raccontato di gente che in terzo deve darsi ancora Fisica I (il prof è un demone) ma che ha già dato Fisica II
- Ma prima dovrebbero darsi Fisica I, anche solo per capire la materia? - gli ho chiesto io.
- Sì
- E allora come fanno?
- Non l'ho ancora capito.

Se prendo la laura indico festa mondiale.

Simone ha detto...

Auletride: io mi sono iscritto a Medicina perché vorrei diventare medico. Dagli esami non mi aspetto grosse difficoltà se non per la mole di roba da imparare a memoria, per cui potrei mollare di fronte a biochimica o anatomia.

Claudio: veramente Fisica I e II sono piuttosto diverse, anche se in genere bisogna aver dato il primo per sostenere il secondo (ma dipende da che professori ti capitano).

Fisica I è cinematica, statica, dinamica (sarebbe le palle che cadono, le cose che girano ecc e anche le palle che girano verso la fine ^^).

Fisica II è elettromagnetismo e ottica: circuiti, onde ecc... insomma non c'entra un cavolo.

Simone

L ha detto...

In effetti è vero, con una denuncia ad un professore la tua carriera universitaria è finita.
Forse si dovrebbe fare un' azione collettiva di protesta, ma la coesione generazione è bassissima, non credo che molti gli studenti si metterebbero in gioco per difendere un collega!
E pensare che io odio i sessantottini!

Anonimo ha detto...

Io uso Avira AntiVir. All'indirizzo http://www.simonenavarra.it/italiano.html, mi trova ancora il trojan TR/Dialer.erm. Probabilmente è ancora il contatore che si è piazzato un po' ovunque.
drnorton

Simone ha detto...

L: vabbe', io quella laurea ormai me la sono presa e amen. Qui sembrano tutti più o meno tranquilli, al momento ^^

drnorton: sì, ne ho trovati un altro po' sparsi per tutto il sito... ora spero di averli tolti tutti, grazie!

Simone

Claudio Giubrone ha detto...

Non so, il mio amico a Fisica I ha portato le onde.Forse però non ha parlato di fisica, ma di matematica; solo che è successo l'anno scorso e non mi ricordo bene.

Il fatto che col rispondere a un prof ti rovini la carriera è vero ma... che diamine! Secoli di lotta per l'uguaglianza e poi si permette a un imbecille di fare quello che vuole. Che poi siamo noi a pagarlo e dovrebbe leccarci le scarpe appena ci vede.

Maurizio Spagna ha detto...

ALTROVE DOVE
...un’occhiata per sospetto ed esistenza…

Di tutto il mondo
Chi sei?
Chi siamo?
Chi sono?

Ma la musica continua…

Il mondo è perfetto come sempre
e lascia alle creature
il passato di nuovo presente
e un futuro
col suo vero nome

Ma le strade a piedi nudi sono dentro di te…

Altrove
Un neonato in lacrime
Confessa le proprie emozioni
E risveglia le proprie poesie

Ma l’unica follia a cui crediamo è l’amore…

Si compone come una promessa
E muore per due volte
In cerca di salvezza e fede

Sorge il sole
E di tutto il mondo
Mangio terra
Per pronunciare il grande appetito alla vita

Di tutto il Mondo
Il primo giorno.


©2011
Maurizio Spagna
e il giro del mondo poetico
www.ilrotoversi.com
info@ilrotoversi.com
L’ideatore creativo,
paroliere, scrittore e poeta al leggìo-