03/04/09

Vita da single: come svegliarsi da soli la mattina presto.

Vi ricordavate che bello, quando vivevate con i vostri genitori? A qualsiasi ora foste andati a dormire la notte precedente, c'era sempre qualcuno che vi svegliava e vi aiutava ad alzarvi, magari portandovi cappuccino e brioche o semplicemente buttandovi giù dal letto a calci.

Adesso invece vivete da soli, e quello della sveglia è un problema grave come quello delle pulizie e molto peggio di quello del mangiare: in fin dei conti, abbiamo una sorta di meccanismo interno che ci spinge a nutrirci prima di subire le letali conseguenze dell'inedia (sarebbe un modo da pessimo scrittore per descrivere la fame) mentre il mio orologio biologico è settato per le 11:20, quando ormai tutto i miei impegni sono andati a puttane e posso anche continuare a dormire fino al giorno seguente.

E invece no: siamo qui per cambiare le cose, migliorare noi stessi e diventare quasi indipendenti, per cui eccovi i mie consigli su...

Come alzarsi dal letto la mattina:

Comprate una sveglia: lo so che era meglio vostra mamma che vi si sedeva accanto dicendo: povero piccolo amore mio, che oggi deve alzarsi presto presto! ma i bei tempi sono finiti. Le sveglie sono degli oggetti a forma di orologio, solo che a un certo punto iniziano a fare un casino infernale e - almeno in linea teorica - vi costringono ad alzarvi. Il perché della via teorica lo approfondiremo tra un istante, ma chiariamo prima una cosa:

Ci sono sveglie elettroniche e sveglie meccaniche. Quelle meccaniche fanno un rumore intollerabile anche quando dovrebbero lasciarvi dormire (una sorta di TAC TAC che rimbomberà per la stanza da letto tenendovi svegli). Quelle elettroniche non fanno rumori molesti, però vivrete nell'ansia continua che si scarichino le pile proprio durante la notte prima dell'appuntamento più importante della vostra vita. A voi la scelta.

Comprate una seconda sveglia: tanto la prima non la sentirete, oppure la spegnerete nel sonno. Due o più sveglie sono molto più efficaci, ne avete quasi sicuramente una anche dentro al cellulare, e se si scaricano tutte le batterie contemporaneamente siete veramente sfigati.

Svegliatevi per davvero: io in genere guardo la sveglia, tolgo l'allarme e mi rimetto giù pensando: solo altri 5 minuti. Poi, regolarmente, dormo altre 3 ore.

L'opzione snooze serve proprio a questo (anche se in genere disattivo anche quella ad occhi chiusi) e diverse suonerie posizionate in vari punti della stanza vi costringeranno ad alzarvi per davvero, almeno per spegnerle tutte. La prima sveglia però va sempre vicino al letto, perché altrimenti non la sentirete mai!

Lasciate le serrande alzate: così sarà il Sole a svegliarvi. Durante l'ora legale, purtroppo, dovrete rivedere tutti i vostri orari.

Portatevi qualcuna (o qualcuno, se preferite) a letto: e dopo esservi infilati sotto le coperte ditegli: allora, io domani devo alzarmi presto. Tu cerca di non fare casino, e alle sette svegliami. Anzi, no: facciamo alle sette e un quarto.

Chiedete a vostra mamma di svegliarvi: non serve che viviate nello stesso appartamento! Può benissimo farvi una telefonata... o, ancora meglio, può citofonarvi portandovi così anche la colazione e il cestino con il pranzo (per la cena - come già detto in precedenza - siete voi che andate da lei).

E, se proprio tutto dovesse fallire, trovatevi degli impegni che iniziano tardi: voglio dire, chi arriverebbe mai in ritardo all'università, al lavoro o in qualsiasi altro posto, se le cose iniziassero dopo le 11 e 30? Il problema è che il mondo gira al contrario, e ti mettono le cose faticose e di cui non ti frega niente la mattina prestissimo, mentre le cose interessanti si fanno sempre di notte, quando ormai ti si chiudono gli occhi per la stanchezza...

Se le cose fossero organizzate al contrario, invece, non sarebbe deprimente dover studiare quando fuori è una bella giornata (visto che tanto è notte, e il sole non c'è comunque!). Gli straordinari vi farebbero uscire più presto, la gente metterebbe la sveglia un'ora prima per vedere le pubblicità erotiche e io mi alzerei prima dell'alba solo per aggiornare il blog.

Anche se poi, conoscendomi, tornerei sicuramente a dormire.

Simone

11 commenti:

Gloutchov ha detto...

Ricordi le sveglie della Brawn che si spegnevano semplicemente mandandole al diavolo??? E quella a forma di palla che si spegneva lanciandola contro una parete??
Fantastiche invenzioni, vero? eppure non hanno avuto un grande successo.

Ora, però, il vero single deve avere la sveglia con il Dock per l'iPod!! Così ti svegli con la musica che più ti piace (io consiglierei un bel pezzo di Marilyn Manson per essere sicuri di sollevarsi dal letto!)...

Ad ogni modo, io ne ho due, una lontanissima dal letto, l'altra sul comodino. Ma non mi servono a nulla. Da quando ho fatto il militare ho acquisito una sorta di sesto senso e mi sveglio da solo 5 minuti prima che suonino... indifferentemente dall'orario a cui sono state impostate. Sarà stato il terrore del mio Sergente Maggiore o la paura dei "nonni" ma, funziona egregiamente!

Shuzzy ha detto...

"Ora, però, il vero single deve avere la sveglia con il Dock per l'iPod!! Così ti svegli con la musica che più ti piace (io consiglierei un bel pezzo di Marilyn Manson per essere sicuri di sollevarsi dal letto!)..."

Mi sa che nel mio caso finirei per associare la musica che più amo a uno dei gesti che più odio, finendo per odiare pure la mia musica preferita...

PS: sono l'anonimo... ^^

Simone ha detto...

Glauco: io sono uno di quelli (magari l'unico?) che non compra le cose Apple fighe e trendy ma le cose Samsung o Acer scrause e bruttissime che però costano un terzo e hanno il triplo delle funzioni... ma non si attaccano alle casse dell'Ipod, ovviamente.

Dovrei scriverci un post, così i fan della Apple mi boicottano il blog ^^.

Shuzzy: potresti usare la musica che più odi... anche se poi ti sveglieresti già incavolato. E complimenti per il nick! ^^

Simone

gelostellato ha detto...

io uso una combinazione di cellulare e donna
dormo fra i due, così quando la donna mi passa sopra per spegnere il mio stramaledetto cellulare che suona di solito mi sveglio

Alex McNab ha detto...

Io mi affido alle mie viscere: quando sento il richiamo del water vuol dire che è ora di alzarsi.
Funziona!

Shuzzy ha detto...

Se mettessi la musica che più odio, davvero, finirebbe molto ma molto male... per la sveglia... ^^

Grazie comunque, vado molto fiero del mio nick. ^^

Simone ha detto...

Gelo: be', è un po' uno dei sistemi che dicevo io, no?

Alex: anche quello è un sistema ^^

Shuzzy: ^^

Simone

CyberLuke ha detto...

Adotto la sveglia felina.
Rispondendo al loro orologio biologico, i miei due gatti alle 7.30 iniziano a reclamare la colazione.
E non c'è verso di ignorarli.
Il che potrebbe essere anche positivo... ma adesso devo insegnarli il concetto di "ora legale".
Sarà dura.

Simone ha detto...

Però i gatti "suonano" anche di Domenica e quando è festa, mi sa ^^.

Simone

Floriano ha detto...

Mi hai fatto troppo ridere!!

Io sono esattamente come te e il sonno cronico è il mio più acerrimo nemico (e il mio più dolce amico...)!

Stamattina mi sono PROMESSO di svegliarmi alle 10. Eccola là, come tutti i giorni: la sveglia suona (cellulare samsung con auto-snooze dopo 3 squilli) e io mi metto un cuscino sulla testa aspettando lo snooze, così dormo altri dieci minuti... poi prendo il cellulare che è ai piedi del letto, lo avvicino... poi mi tolgo l'orologio dal polso e me lo metto di fianco... e passano le ore...

Ho provato con tutte le sveglie ma riesco sempre o a snoozarle o - previdente! - a spostare l'ora della sveglia di svariate di decine di minuti più avanti...

Ci sarebbe da chiamare un'équipe di psicologi perché la mente la mattina appena sveglia è quanto di più cattivo e incontrollabile ci sia!! Io sembro sempre uno psicopatico, anche a me stesso!! Potrei anche squartare la testa a qualcuno in quei microsecondi di follia!!

Insomma, stamattina, tra uno snooze, un "altri cinque minuti", "GIURO solo 10 minuti" e il più imponente "POTESSI MORIRE solo mezz'ora" mi sono svegliato alle 13...

E buonanotte a tutti!

Simone ha detto...

Floriano: grazie per la tua "esperienza", tra l'altro molto divertente... e buona notte! ^^

Simone