06/02/15

L'esame di stato e il master.

Un'immagine tipo delle mie ultime due settimane.
Scusate se per un po' non mi sono fatto sentire, ma quelle cavolo di crocette per l'esame di Stato mi hanno fatto dannare e dopo non so quante ore al giorno a fare simulazioni di test non mi andava proprio di rimettermi sul computer pure per scrivere.

L'esame comunque l'ho fatto ieri, e incrociando le dita e salvo aver fatto qualche casino durante la prima prova (cosa comunque non impossibile) penso di essermela cavata.

Diciamo che siamo ottimisti insomma, ma prima di festeggiare o di dire che "è finita" e darsi allo studio (!!) delle altre cose di cui parlerò tra poco meglio in ogni caso aspettare i risultati... che dovrebbero arrivare tra un paio di settimane.

Come s'intuirà credo anche dal titolo, la scorsa settimana è iniziato il master in medicina d'urgenza.

Per certi versi abbastanza faticoso (1 giornata e mezza pienissime concentrate ogni 2 settimane) è una buona occasione per imparare finalmente qualcosa che serva - speriamo - sul serio per lavorare in un pronto soccorso... o comunque in un posto di medicina reale.

Il fatto è che durante le lezioni del master ti spiegano - mettiamo - l'infarto. Ma finite le lezioni se poi quando torni a casa non ti studi le cose è un cavolo e tutt'uno ed era praticamente inutile pure che ci andavi.

Insomma finisci di studiare e si ricomincia subito. Anzi non avevo nemmeno finito a dire la verità, perché l'esame di stato c'era la settimana dopo. E confesso che ritrovarmi di nuovo in un'aula a seguire una lezione non è stata una sensazione che mi è piaciuta gran che.

Qualcuno mi ha detto - più d'uno a dire la verità - che a me in fondo mi piace studiare. E forse un po' è anche vero. Però a me più che altro piacerebbe poter fare e saper fare determinate cose, e lo studio è il mezzo per raggiungere certi risultati... ma è un mezzo che - ora come ora - non mi piace più tanto per niente.

Insomma, di nuovo tra i banchi di scuola anche dopo due lauree è una cosa che inizio a trovare davvero un po' soffocante. Di sicuro però non si può fare il medico solo con la laurea di base, senza prepararsi meglio su qualcos'altro. E di sicuro un paio di giorni ogni tanto non sono questo impegno così grande da doverne fare chissà quale problema.

E insomma, come dicevo, scusate per la scarsità degli aggiornamenti, ma come ho spiegato è stato un periodo abbastanza pieno. Aspettiamo tutti il risultato dell'esame di abilitazione, e poi magari si festeggia pure... che sicuro qualche giorno me ne voglio andare in vacanza. Magari a sciare.

Vedremo :)

Simone

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Simone,
complimenti per l'esame (faccio un grande tifo per te, vedrai che sarà andato alla grande!!!!) e in bocca al lupo per questo master, che speriamo possa aprirti la strada per lavorare finalmente al pronto soccorso. Per quanto riguarda lo studio, non preoccuparti; quando ho cominciato io medicina, la bellezza di 10 anni fa, alla prima lezione di Semeiotica il professore ci ha avvertiti che per quanto riguarda la Medicina, non si smetterà mai e poi mai di studiare. Sono al 3° anno di specializzazione di Anestesia e Rianimazione e ancora mi sento uno scolaretto inesperto; quindi la sensazione di cui parli è abbastanza comune. Sempre avanti a testa alta e un in bocca al lupo per tutto.

Carlo

Simone ha detto...

Carlo: sì, in effetti è come dici tu e come diceva il tuo professore... o come dicevano anche i miei. Oggi ho passato mezzo pomeriggio sullo scompenso, gli inotropi e l'edema polmonare... e diciamo che studiare qualcosa con l'idea che ti serve davvero e che la userai già cambia un po' le cose.

Grazie davvero, e crepi il lupo!!!

Simone

Anonimo ha detto...

Complimenti Simone, vedrai che sarà andato sicuramente benissimo=) Le domande sono le stesse in tutta Italia?
Il master sicuramente è un ottimo inizio per poter intraprendere una bella carriera da medico. Ti auguro di riuscire a fare anche una bella scuola di specializzazione, verso la quale ti sei spesso manifestato restio ma che ti consenta di poter arrivare a lavorare in un Pronto Soccorso. Piacerebbe anche a me...

Nicolò

Simone ha detto...

Nicolò: le domande sono le stesse, almeno credo. Che ne sai, magari un giorno lavoreremo insieme :) Grazie di tutto!!

Simone

Nicola R. ha detto...

Ciao Simone,
ma quindi oltre questi due giorni di master a settimana gli altri giorni li passi a casa a studiare oppure anche se non sei più uno studente puoi comunque passare gli altri giorni in PS o in reparto per imparare qualcosa di pratico?

Simone ha detto...

Visto che faccio il master posso ancora andare in reparto... e ci sto andando quasi tutti i giorni :)

Simone

Anonimo ha detto...

Continuità assistenziale?

F.

Simone ha detto...

F: non so tanto come funziona, a dire il vero! :)

Simone